sabato 5 aprile 2014

Fidanzati giuristi, NO grazie

Sarà quel colorito pallido dovuto ad anni trascorsi in ascesi per studiare il Codice di Procedura Civile, sarà quell'espressione irritante da “so tutto io”, sarà quel mix di saccenza, latinismi, arroganza, presunta superiorità culturale e anche un po’ di nevrosi cronica, saranno vari e tanti motivi per cui uno studente/laureato in giurisprudenza (lui o lei che sia) è l'esatto opposto di un fidanzato accettabile. Diffidate di quello che dicono gli articoli sul web (scritti probabilmente da neo-laureati, con la mamma che li stressa per trovare un partner) e leggete qui:
1) Non avete nessuna speranza di avere ragione in una discussione. Per deformazione professionale, lui/lei ha provveduto ad archiviare una serie di testimonianze orali, documenti con valore legale di prova scritta, tabulati dei vostri accessi a Whatsapp e storico delle vostre registrazioni su Facebook, da utilizzare al momento opportuno. E mentre voi vi affannate a spiegare i vostri motivi, ha già preparato l'arringa con cui aggiudicarsi la discussione.
2) È una persona molto loquace. 
E' vero, in alcuni momenti il silenzio è imbarazzante, ma ce ne sono altrettanti in cui pregherete perché lui/lei sia imbavagliato e con tre giri di nastro adesivo ad impedirgli qualsiasi fonema. Senza contare che il rischio che una domanda banale come ''Che hai fatto ieri?'' si trasformi in un terzo grado di appello è all'ordine del giorno.
3) È una persona super impegnata.
Tutti sappiamo che anni a studiare profondissime discussioni dottrinali, ovviamente non accettate dal legislatore, sentenze con venticinque pareri diversi sulla stessa disposizione di legge e migliaia di articoli in giuridiche puro favoriscono la vita sociale. Come no.
4) Ha una grande pazienza. 
Che si dimostra soprattutto in quei momenti in cui userete incoscientemente termini giuridici. Esempio:''Tesoro, ma non possiamo non andare da Anna, mi sento in dovere'' ''Al massimo ti senti in obbligo: il dovere si esercita nei confronti di una collettività'' ''Ma amore, è la stessa cosa'' ''Tra di noi è finita''.
5) Non vi farà mai perdere tempo. 
Non è vero! Ogni giurista prevede già di rimandare di almeno due gradi di giudizio in tribunale, figuratevi nella vita, dove può andare ben oltre i tre rinvii. Per non parlare dell'incredibile capacità a trovare/creare cavilli e condizioni, e crogiolarsi negli infiniti iter burocratici. Che il tempo è denaro lo sanno gli Economisti, quindi, a meno che non vi piaccia aspettare ore ed ore il vostro amato partner, meglio che vi fidanziate con suddetta categoria.

Quindi, se non volete fidanzarvi con un pallido psicopatico, saccente, con tendenze maniacali e seri problemi a relazionarsi con tutto ciò che non contenga una serie di nessi logici in sequenza illogica e termini antiquati anche per Petrarca, cambiate facoltà su cui puntare. 
Ah, un momento... dimenticavo che c'era chi si era innamorato di Edward Cullen: come non detto...